lunedì 18 novembre 2013

21 novembre - giornata nazionale degli alberi

L’intervento di questa settimana vorrebbe spostare l’attenzione dalla scala urbana su cui ci concentriamo generalmente a quella più grande riferita alla pianificazione territoriale. Vorremmo farlo anche questa volta attraverso l’analisi di un caso studio che coinvolge non solo gli enti pubblici e i professionisti del settore, ma anche i cittadini. In questa fattispecie i più piccoli.

Quella di oggi è una storia di pianificazione partecipata e il tentativo di instillare nei più giovani la coscienza di una cittadinanza attiva.

Scoutismo e pianificazione territoriale


Il giorno 13 aprile noi ragazze del reparto femminile del gruppo scout VR13 ci siamo riunite per la riunione settimanale. I Capi ci hanno proposto dei “centri di interesse” con esperti in materia di topografia e natura. I centri di interesse sono attività pratiche durante le quali una persona esperta insegna le basi del suo mestiere.
  • TOPOGRAFIA

Prendendo parte al centro di interesse sulla topografia, grazie all'aiuto di Daniele Madella, topografo professionista, siamo venute a conoscenza di come, grazie alla Legge n. 10 del 14 gennaio 2013, sia stata istituita il 21 novembre la “Giornata nazionale degli alberi”.Questa legge obbliga anche i sindaci dei comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti a rendere noto “il bilancio arboreo del comune, indicando il rapporto fra il numero degli alberi piantati in aree urbane di proprietà pubblica rispettivamente al principio e al termine del mandato stesso, dando conto dello stato di consistenza e manutenzione delle aree verdi urbane di propria competenza.” Durante il centro d'interesse di topografia abbiamo calcolato la posizione degli alberi presenti all'interno di uno dei due parchi giochi di via Brunelleschi, nel nostro quartiere Stadio.Abbiamo lavorato velocemente ed efficientemente grazie alle attrezzature di rilievo messe a disposizione dal topografo, con il quale siamo riuscite a lavorare e simultaneamente a creare la planimetria del parco giochi.
La squadriglia Lupi (il primo gruppetto che ha iniziato il lavoro) ha cominciato il rilievo, definendo il perimetro del parco giochi; i seguenti due gruppi (squadriglie Aironi e Aquile) hanno calcolato le posizioni degli alberi, determinandone le coordinate grazie alla misurazione di angoli e distanze. 
  • CATASTO DEGLI ALBERI E SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

Le nostre capo reparto hanno poi contattato i responsabili della manutenzione dei giardini presso Amia, i quali hanno accolto positivamente l’iniziativa.
Il sabato successivo, 20 aprile, il dott. Daniele Madella ci ha consegnato la planimetria del nostro rilievo, realizzata grazie alle coordinate che abbiamo determinato, elaborata al computer.
Ci ha poi proposto di completare il lavoro per poter consegnare ad Amia sia le coordinate degli alberi che i dati di ciascuna pianta (denominazione, circonferenza del tronco e stato di salute).
Quello stesso giorno, per farci capire un altro metodo di calcolo delle coordinate, ci ha spiegato il  funzionamento del GPS e del GIS, con la visione di un video inerente, come strumenti per localizzare sul nostro pianeta persone ed oggetti.
  • NATURA

Abbiamo deciso di completare il nostro lavoro di georeferenziazione delle piante, schedando ogni albero secondo le sue peculiarità; sabato 11 maggio abbiamo misurato la circonferenza di ciascun albero. Sabato 18 maggio abbiamo partecipato al centro d'interesse di botanica, tenuto dal Dott. In Scienze Agrarie Giuseppe Magnabosco.Abbiamo imparato a riconoscere le varie specie di piante attraverso l'osservazione delle loro caratteristiche, esaminando ogni albero del parco con l'aiuto dell’esperto, che ci ha mostrato i vari  tipi di foglie e ci ha spiegato come giudicare lo stato di salute di ogni pianta.
Ci siamo impegnate nell'osservare con attenzione ognuna di esse, schedandola e cercando di capire se avesse malattie.
  • CONCLUSIONI
Il parco giochi di Via Brunelleschi si caratterizza per la presenza di 41 piante ad alto fusto, delle quali
  • n. 2 Metasequoia Glyptostroboides;
  • n. 2 Pinus Wallichiana;
  • n. 7 Acer Pseudoplatanus;
  • n. 1 Acer Pseudoplatanus Atropurpureum;
  • n. 13 Liriodendron Tulipifera;
  • n. 16 Pinus Pinea.
Ci siamo impegnate molto e speriamo che questo lavoro possa essere utile al nostro Comune.

Verona, 28 maggio 2013 Il reparto Gilwell Gruppo Scout Verona 13

venerdì 15 novembre 2013

Aldo Peressa & Grassi Pietre


Terminiamo oggi, con questo articolo, le interviste di ARCHIzonzo ai protagonisti di Marmomacc and the city. Oggi ospitiamo sulle nostre pagine la ditta Grassi Pietre che in collaborazione con l’Architetto Aldo Peressa, ha curato la realizzazione e progettazione dell’opera Fuoco e Fiamme, esposta nei giorni scorsi in Cortile Melone, a pochi passi da Via Mazzini.

lunedì 11 novembre 2013

Raffaello Galiotto & Lithos Design


Proseguono le interviste di ARCHIzonzo ai protagonisti di Marmomacc and the city. Oggi ospitiamo sulle nostre pagine il Designer industriale Raffaello Galiotto, il quale, in collaborazione con l’azienda Lithos Design ha progettato l’opera Stone Gate, esposta nei giorni scorsi in P.zza Bra, proprio di fronte all'Arena.
L'opera in questione si è classificata al secondo posto nel contest indetto dal nostro blog con 17 voti, quindi il 23% delle preferenze.
Scopriremo nel breve dialogo a seguire, quanto opera e location fossero strettamente legate attraverso uno dei più antichi archetipi architettonici: l’arco.

giovedì 7 novembre 2013

pbeb architetti & Marini Marmi


Con questo articolo iniziamo su ARCHIzonzo un breve ciclo di interviste rivolte ai progettisti e alle aziende protagonisti del nostro contest dedicato alla manifestazione “Marmomacc and the city”.
Procedendo in ordine prettamente cronologico, la prima intervista che vi vogliamo proporre è quella rivolta agli ideatori dell'opera vincitrice del nostro sondaggio.

lunedì 4 novembre 2013

#ARCHIzonzo7days

Riassunto della settimana dal 29 ottobre al 3 novembre 2013.